Necronologia

5 Ottobre 2008 5 Ottobre 2008
Archiviato in Società
10 Commenti

Prosegui la lettura »

Il monopolio del Cuore

9 Maggio 2007 9 Maggio 2007
Archiviato in Argomenti vari
5 Commenti


Con il suffragio Universale, sono nati i partiti di massa. Con i partiti di massa sono nate le ideologie, utopie, il populismo e il "sentimentalismo politico". Non a caso i primi partiti di massa sono stati i partiti socialisti, comunisti, e i vari partiti fascisti. Ancora oggi, i sentimenti in politica giocano un ruolo importantissimo. Sopratutto a sinistra, ma anche a destra dove sono maggiormente sviluppati sentimenti negativi (le paure). La sinistra è convinta di avere il "monopolio del cuore", espressione che venne usata in Francia in un battibecco tra Mitterand e Giscard d’Estaing "No Signor Mitterand, Lei non ha il monopolio dei cuori". La sinistra è convinta di essere l’unica a difendere i poveri ed i lavoratori. La sinistra parte in campagna elettorale con uno spirito che va dal Robin hood (difendere i poveri buoni contro i ricchi cattivi), fino a Star wars (lottare contro le forze oscure del male). Questo stato d’animo che è stato spesso criticato, assimilato anche al "Buonismo" è anche la ragione di un difficile dialogo tra destra e sinistra. Quando uno è convinto ideologicamente che le sue idee sono contrapposte a quelle dei suoi avversari, non c’è dialogo. Perchè se in realtà, i fini per la destra e la sinistra sono uguali e solo i mezzi cambiano, c’è una diffusa credenza che afferma che sono i fini, gli obiettivi, ad essere diversi. Per una politica che in futuro sia più Scienza (ricordiamolo, la politica è innanzitutto una scienza) bisogna sradicare i sentimenti dalla politica. Bisogna che ogni partito possa affrontare temi come lo Stato sociale, la legalità, l’immigrazione, il lavoro, il sindacalismo, la politica internazionale, con razionalità, e ragionevolezza. Senza sentimentalismo, mantenendo tuttavia i valori di uno Stato e della Società, cosi da non cadere in una realpolitik.