Eneide di Krypton


Eneide di krypton è il terzo lavoro dei Litfiba, dopo "Guerra" e "Luna la preda". Un lavoro eccezionale che risale al 1983, quando i Litfiba erano un gruppo totalmente sconosciuto in Italia, ma con una certa fama nella rete musicale underground francese. Questa "opera", perchè di opera si tratta, è nata insieme all’opera teatrale dello stesso nome. Non si puo’ parlare di colonna sonora in quanto la banda teatrale Krypton ha lavorato sulla messa in scena partendo dalla musica. Non è la musica che si adatta al teatro, nè il teatro che si adatta alla musica, il tutto forma un insieme compatto e coerente, tant’è che si puo immaginare benissimo lo spettacolo sentendo solo "l’album", che è tra l’altro quasi totalmente strumentale. Il disco è composto di una traccia unica (suddivisa ovviamente in diversi momenti teatrali). La musica ricorda il vecchio rock/punk degli anni ’80, con un certo aspetto "sperimentale". Il che rende il disco assolutamente non commerciale, ma molto interessante per chi ha 40 mn da dedicare al sofa e alla musica. Non dico altro, ve lo consiglio fortemente!!! (si trova da scaricare su emule). (solo per curiosità e per farsi due risate… i litfiba del 1983…)

Video importato

YouTube Video

Nome: Litfiba

Album: Eneide di Krypton

Anno: 1983

Voto: *****

1. La tempesta – 2:11

2. Approdo sulle coste della Libia – 16:25

3. Il racconto di Enea – 5:30

4. L’incontro d’amore – 7:15

5. La battaglia – 6:17

6. Il canto dei latini – 2:26



3 Commenti to “Eneide di Krypton”

  1.   ulz Says:

    uei fenomeno ti sei informato sull’idea anarchista o hai deciso di vivere nell’oscurità?
    forte questo post, me li ricordo i litfiba di quei tempi e ricordo che tra noi amici ci si chiedeva che cacchio significasse quest’album

  2.   UcCaBaRuCcA Says:

    Beh, non ti nascondo che non ho avuto tempo di leggere niente (sto cercando lavoro…)
    Pero ho scovato un libro del mi babbo sull’anarchia (chi l’avrebbe detto).
    Appena ho un po di tempo me lo leggo

  3.   ulz Says:

    ebbravo il tu babbo, mica come te che giudichi senza conoscere.
    auguri per il lavoro.